Bianca Berlinguer e Vladimir Luxuria

"Prima le persone"

14/12/2019 - 18:30
Teatro

Bianca Berlinguer è figlia di tanto padre, ma è una donna che è riuscita a superare la pesante eredità, a guardare oltre e ad essere quello che voleva essere: giornalista, direttore, conduttrice televisiva. Vladimir Luxuria è nata Vladimiro, nel profondo sud d’Italia, a Foggia, ed ha scelto di essere una donna coraggiosa, appassionata e combattiva.

Due vite esemplari del femminile che ci vengono a trovare insieme per dirci che sempre e in ogni caso vengono prima le persone, al di là del genere, dell’etnia, della condizione sociale o ereditaria.

L’occasione, il punto di partenza è il racconto della “vita bellissima” di Marcella Di Folco, all’anagrafe Marcello, che Bianca Berlinguer ha raccontato in un libro, uscito da poco per La Nave di Teseo. Marcello nasce in un quartiere di Roma nel 1943 e prosegue in una sua lunga personale ricerca che la porterà a diventare pienamente donna nel 1980, dopo un intervento chirurgico a Casablanca.

Ma Marcella attraversa anche la storia d’Italia nelle sue contraddizioni: dall’infanzia complicata, all’esplosione del ’68 visto attraverso la “rivoluzione giovanile” del Piper, dalla Dolce Vita a via Veneto, a Cinecittà e ai grandi registi, Fellini, Rossellini, Zeffirelli, Petri, che la vollero nei loro film. Poi le notti romane, fino alla scelta tanto desiderata e voluta del cambiamento di sesso, l’arrivo a Bologna, la prostituzione, la militanza politica e le battaglie civili alla guida del MIT, il Movimento Italiano Transessuali.

Storia di Marcella che fu Marcello è la confessione che Marcella Di Folco ha affidato a Bianca Berlinguer che l’ha fedelmente riportata.

È il racconto in prima persona di una vita appassionata e difficile – piena di fatiche e scoperte, di sofferenze e conquiste – una lunga e generosa ricerca della felicità. La storia di una vita bella, piena, ma anche segnata dalle fatiche e dai dolori, come la vita di tante, tante persone, come la vita di tutti noi.

Ho letto e accetto l'Informativa sulla Privacy