Mimmo Locasciulli

Lectio magistralis dal titolo: “Come una macchina volante”.

02/02/2019 - 18:30
Teatro

Mimmo Locasciulli è uno dei grandi cantautori italiani di scuola romana, amico e compagno di Francesco De Gregori, Antonello Venditti, Stefano Rosso e molti altri, protagonista della mitica stagione del Folkstudio di Roma negli anni ’70. Alla carriera artistica, che ha recentemente festeggiato i 40 anni e la realizzazione di 18 album, ha però sempre abbinato quella di medico, chirurgo e nutrizionista, che ha seguito e ancora segue. Cantautore e dottore, quindi, eccellente in entrambi i campi, sempre con la stessa identica passione. Una vita lunga, intensa, vissuta momento per momento e ora raccontata in una autobiografia, uscita questa estate per Castelvecchi editore, che ha la capacità di allargarsi a vero romanzo di formazione, caratterizzato da una felicità di racconto non comune. “Come una macchina volante” racconta infatti la sua infanzia di bambino a Penne, un piccolo paese abruzzese, la sua curiosità per la vita, la passione per la musica e il microscopio in un arco di tempo che va dal 1949, anno della sua nascita, al 1975. Ci fa provare l’odore del vento di quelle campagne e il magnifico sapore dell’infanzia, ci fa ascoltare le prime note del suo pianoforte e ci fa percepire l’oppressione della troppa teoria e dei solfeggi. E poi gli anni dell’Università, le prime contaminazioni artistiche, la voglia della grande città, di Roma e di entrare a far parte del Folkstudio. Un’autobiografia ricchissima di dettagli e curiosità, sempre sull’onda del doppio amore che l’ha guidato nella vita: la musica e la medicina.

Alla Fondazione Mirafiore, Mimmo Locasciulli, artista sempre molto generoso e naturalmente comunicativo, questa sua vita intensa ce la farà ripercorrere dal vivo, con le parole, certamente, ma anche con le canzoni che quella vita hanno punteggiato, accompagnato e saputo raccontare.

Mimmo Locasciulli

(Penne, 1949) Tra i più grandi cantautori italiani, ha debuttato al Folkstudio negli anni Settanta e ha inciso finora 18 album. Ha prodotto Lolli e Haber, e collaborato a lungo con Francesco De Gregori, Enrico Ruggeri e altri importanti artisti nazionali e internazionali. Ha festeggiato i 40 anni di carriera musicale con il doppio album Piccoli cambiamenti. Da oltre quarant’anni esercita la professione di chirurgo e nutrizionista a Roma, dove vive. Ha recentemente dato alle stampe un nuovo disco di inediti, “Cenere”, uscito il 9 novembre. Un disco importante che racchiude diverse collaborazioni con nomi noti del panorama cantautorale, come quello di Enrico Ruggeri, di Pacifico e di Büne Huber, front-man e anima dei Patent Ochsner, strepitosa rock band bernese premiata lo scorso anno con gli Award come miglior gruppo, miglior album e miglior live. “Cenere” si arricchisce, inoltre, della presenza di due artisti tanto diversi quanto ugualmente preziosi: Fabrizio Bosso e Awa Ly, giovane cantante franco-senegalese, ormai popolarissima in Francia e in Europa.

La prenotazione è valida per una persona, per effettuare prenotazioni multiple compilare nuovamente il modulo

Ho letto e accetto l'Informativa sulla Privacy